Obiettivo generale: Educazione alla pace ed alla convivenza interculturale, attraverso la valorizzazione delle specifiche competenze ed identità culturali dei giovani partecipanti. Il Progetto offre opportunità educative ed aggregative integrative extrascolastiche (doposcuola), diffuse ed accessibili sull’intero territorio provinciale, fruibili durante il tempo libero da adolescenti e giovani, collegate in rete fra loro e con l’associazionismo giovanile ed interculturale radicato sul territorio. Garantisce la partecipazione di adolescenti e giovani stranieri in quanto popolazione a rischio di dispersione scolastica e/o emarginazione.

Obiettivi specifici:

1. Acquisizione di conoscenze e competenze linguistiche, geografiche, interculturali da parte dei giovani partecipanti, attraverso la progettazione partecipata di viaggi in Italia ed all’estero;
2. Produzione di guide turistiche (handbooks) bilingui;
3. Costituzione di una Associazione interculturale giovanile.

ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO:

Denominazione: Op.E.N. (Opportunità per Esperienze Nuove)

Op.E.N.. è il progetto di attività formative, di educazione alla pace ed alla convivenza interetnica ed interculturale che il Comitato Provinciale ARCI di Rimini sta realizzando dal 1996 nella Provincia di Rimini. E’ stato riconosciuto dalla Regione Emilia-Romagna come progetto sperimentale di servizio civile nell’anno 1999.

Carattere distintivo del Progetto Op.E.N. è il RIFIUTO DI OGNI DISCRIMINAZIONE: ideologica, religiosa, razziale, sessuale, generazionale. Op.E.N. ed ha impegnato centinaia di giovani di ogni provenienza e formazione culturale. In questi anni, oltre 5.000 giovani riminesi hanno riconosciuto nell’ARCI un’opportunità di socializzazione corrispondente alle proprie esigenze, conferendo all’Associazione i connotati del più esteso e multiforme pluralismo culturale.

Op.E.N. è stato finora realizzato dalle affiliate: Associazione Culturale “Quadrare il Circolo”, presso la propria Sede sociale in Rimini, Via Ghinelli n. 5, dal 1996 al 1999, a Bellaria-Igea Marina, presso il Centro Giovani “La Ternana” in Via Ramazzini n. 5 dal 1997 al 1999, nel Centro Giovani “la Casina” di Bellariva di Rimini con il contributo del Comune di Rimini dal 1999 al 2001, dall’Associazione culturale “Isola non trovata” presso l’Università e gli Istituti Medi Superiori della città di Rimini, dalle Associazioni culturali “ARCI Omnia” e “Wadada” in Rimini, dall’Associazione di volontariato “Arcobaleno” in Riccione, Rimini e Misano Adriatico presso le proprie Sedi Sociali.
In questo anno 2009, il Comitato Provinciale ARCI di Rimini conta circa 800 giovani Soci tesserati sul territorio provinciale.

Modalità di attuazione del progetto Metodologia:

Il Progetto verrà attuato attraverso la realizzazione di attività di educative e di socializzazione interetnica ed interculturale, attraverso pratiche e percorsi di partecipazione democratica e di auto-aiuto e, principalmente, adottando la metodologia di peer-education (letteralmente “Educazione tra Pari”), così definita. nel manuale Training for Trainers, Peer Education pubblicato dal Joint Interagency Group on Young People’s Health Development and Protection in Europe and Central Asia (IAG): “[…] l’educazione fra pari è il processo grazie al quale dei giovani, istruiti e motivati, intraprendono lungo un periodo di tempo attività educative, informali o organizzate, con i loro pari (i propri simili per età, background e interessi), al fine di sviluppare il loro sapere, modi di fare, credenze e abilità e per renderli responsabili e proteggere la loro propria salute. L’educazione fra pari ha luogo in piccoli gruppi o con un contatto individuale e in molteplici posti: in scuole e università, circoli, chiese, luoghi di lavoro, sulla strada o in un rifugio o dove i giovani si incontrano.”

Adotteremo quindi una strategia educativa volta ad attivare un processo spontaneo di passaggio di conoscenze, di emozioni e di esperienze da parte di alcuni membri di un gruppo ad altri membri di pari status; un intervento che mette in moto un processo di comunicazione globale, caratterizzato da un’esperienza profonda ed intensa e da un forte atteggiamento di ricerca di autenticità e di sintonia tra i soggetti coinvolti. Questa pratica va oltre la consueta pratica educativa e diviene una vera e propria occasione per il singolo soggetto, il gruppo dei pari o la classe scolastica, per discutere liberamente e sviluppare momenti transferali intensi.
Questo tipo di pratica è particolarmente sviluppata nei paesi anglosassoni con programmi ad hoc che mirano prima di tutto all’educazione alla prevenzione di situazioni di disagio.

Target:

Il Progetto è rivolto a tutti gli adolescenti ed i giovani fra i 14 ed i 24 anni residenti sul territorio della Provincia di Rimini, ed in particolare nei Comuni di Rimini, Riccione e Misano Adriatico e che opereranno per gruppi di interesse. Ciascun gruppo sarà composto da giovani italiani e stranieri.

In base alla fascia di età, il target può essere così suddiviso:

1. Volontari ed ex volontari del Servizio Civile Nazionale (italiani) e Regionale (stranieri). Fascia di età: 18/24 anni: ARCI Rimini realizza, attraverso la partecipata Associazione ARCI Servizio Civile Rimini, dal 1983 attività e Progetti di Servizio Civile, che hanno impegnato a tutt’oggi 616 obiettori di coscienza e 593 volontari italiani. Realizza inoltre dal 2005 Progetti di Servizio Civile Regionale che hanno impegnato finora 12 giovani stranieri.
2. Studenti del Polo Scientifico Didattico di Rimini dell’Università di Bologna, (fascia di età 18/24 anni) che conta 5565 iscritti nell’anno accademico 2007/8, 360 dei quali stranieri;
3. Studenti degli Istituti Medi Superiori, con particolare riferimento agli Istituti Professionali e ad indirizzo turistico-alberghiero, (fascia di età 14/18 anni) dove maggiore è la presenza di studenti stranieri. L’affiliata Associazione Arcobaleno collabora stabilmente con alcuni di questi Istituti (Istituto Professionale Einaudi di Rimini, Istituto Alberghiero Severo Savioli di Riccione a sostegno dell’inserimento scolastico degli alunni stranieri).

Descrizione delle attività:

Fase 1: Promozione dell’attività:

Attraverso una adeguata campagna informativa rivolta al target sopra indicato (volantini, locandine, comunicati stampa, Internet), sarà proposto ai giovani di partecipare ad appositi gruppi di studio finalizzati a progettare viaggi in specifiche località:

1) italiane (città d’arte, località di interesse storico e naturalistico); a tutti i gruppi verrà proposto di progettare e realizzare comunque almeno 1 viaggio in una località di loro interesse nell’ambito della Regione Emilia-Romagna.
2) estere (Paesi di provenienza dei giovani stranieri presenti a Rimini: Albania, Marocco, Romania, Cina, Tunisia ecc.). Sarà ricercata la collaborazione al Progetto da parte dell’Università di Bologna – Polo Scientifico-didattico di Rimini (con particolare riferimento al corso di Laurea in Economia del Turismo) e degli Istituti professionali ad indirizzo turistico-alberghiero.

Fase 2: costituzione dei gruppi di studio per convergenza di interesse.

In base all’interesse dichiarato dai giovani per ciascuna destinazione, saranno costituiti un numero corrispondente di gruppi di studio, della dimensione minima di 12 e massima di 15 giovani, che avranno l’obiettivo di redigere, in forma partecipata, il programma di viaggio verso la destinazione prescelta.

La Segreteria organizzativa e di coordinamento del Progetto, resa disponibile da ARCI, redigerà la lista dei partecipanti a ciascun Gruppo, tenendo conto del luogo di residenza, della più opportuna omogeneità nella composizione per età dei partecipanti e dell’esigenza di presenza di almeno 2 giovani stranieri.

Ciascun gruppo sarà assistito in modo continuativo da un facilitatore/animatore dotato di adeguate competenze linguistiche, ed in particolare di conoscenza della lingua inglese, incaricato da ARCI. Ciascun gruppo avrà la disponibilità di uno o più PC connessi ad Internet.

I giovani partecipanti a ciascun gruppo interagiranno fra di loro in base alla destinazione prescelta:

1) Per le destinazioni italiane, i giovani italiani proporranno e descriveranno le caratteristiche delle località di interesse;
2) Per le destinazioni straniere, il ruolo di proposta e descrizione spetterà ai giovani originari o provenienti dal Paese di interesse.

Fase 3: Realizzazione dell’attività:

I gruppi di studio si riuniranno con cadenza settimanale o quindicinale, in orario pomeridiano o serale, in riunioni della durata media di ore 2.30’ ciascuna e realizzeranno collegialmente le seguenti attività:

1) Raccolta di documentazione sulla destinazione prescelta, via Internet ed attraverso la collaborazione di docenti universitari e degli Istituti Secondari superiori con specifiche competenze in materia di geografia, storia, architettura, antropologia, scienze ambientali e naturalistiche. Il gruppo dedicherà a questa attività, mediamente, i primi 7 incontri.
2) Raccolta di informazioni logistiche, giuridiche, valutarie, sui vettori e modalità di viaggio (prevalentemente via Internet). Il gruppo dedicherà a questa attività, mediamente, 2 incontri.
3) Elaborazione e redazione di un handbook bilingue, come guida pratica di accompagnamento per il viaggio progettato: per i viaggi all’estero, la redazione potrà essere realizzata in italiano ed inglese oppure in italiano + lingua del Paese prescelto, qualora all’interno del Gruppo siano presenti giovani dotati di conoscenza della lingua del Paese di destinazione; per i viaggi in Italia, l’handbook verrà redatto in italiano ed inglese, oppure in italiano ed altra lingua di interesse dei giovani partecipanti al gruppo.
Il facilitatore/animatore garantirà il lavoro redazionale. Il gruppo dedicherà a questa attività, mediamente, 8 incontri.

Fase 4: Conclusione dell’attività.

L’attività si concluderà con la pubblicazione degli handbooks prodotti da ciascun Gruppo, sui siti Internet di cui è titolare ARCI Comitato Provinciale di Rimini e le Associazioni affiliate:

www.arcirimini.it; www.arcobalenoweb.org, e su www.cinaitalia.it per gli handbooks eventualmente redatti in italiano e cinese.
Il viaggio in Emilia-Romagna verrà realizzato durante l’estate 2010 e rappresenterà anche l’occasione per la conoscenza reciproca fra gruppi operanti nelle diverse Province, attivi nell’ambito della Rete TogethER, rete interassociativa dei giovani stranieri dell’Emilia-Romagna.

Al termine del lavoro, con l’incontro conclusivo di ciascun gruppo, a tutti i partecipanti verrà proposta la costituzione di una nuova Associazione interculturale no-profit, da essi autonomamente gestita, finalizzata a proseguire e sviluppare l’esperienza realizzata. ARCI renderà disponibili le proprie sedi sociali ed il supporto tecnico-organizzativo necessario per ospitare la costituenda Associazione, avviando un apposito percorso formativo.

Risultati attesi:

1. Costituzione di gruppi amicali interetnici: la frequentazione e la collaborazione fra i giovani per la realizzazione di un obiettivo di comune interesse rappresenta una condizione particolarmente favorevole all’instaurarsi di relazioni amicali, condizione privilegiata di socializzazione;
2. Acquisizione di competenze geografiche e linguistiche (attraverso la redazione partecipata dell’handbook);
3. Valorizzazione delle competenze e dell’identità culturale dei giovani stranieri;
4. Acquisizione di competenze di base in materia di organizzazione di viaggi e soggiorni turistici.
5. Acquisizione di conoscenze relative alla costituzione e la gestione di Associazioni no-profit.
6. Iintegrazione delle esperienze, competenze e risorse presenti a livello territoriale tra più soggetti ed aree territoriali diverse in una logica di rete, ottenuta attraverso il collegamento fra i gruppi e con i Circoli ed Associazioni affiliate garantito dal Comitato Provinciale ARCI ed il collegamento alla rete regionale TogethER, rete interassociativa dei giovani stranieri dell’Emilia-Romagna. La costituzione dell’Associazione giovanile al termine del percorso, la poliennalità del Progetto Op.e.n. e dell’attività di promozione sociale di ARCI Comitato Provinciale di Rimini garantiscono la continuità e sistematicità dell’azione ed il loro radicamento territoriale.

Coerenza dell’intervento con la programmazione territoriale:

Il Progetto è coerente con la programmazione territoriale, in particolare con i seguenti obiettivi strategici di politiche giovanili, tratti dall’ atto di indirizzo e coordinamento triennale approvato dalla Conferenza Territoriale Socio Sanitaria:

1) stimolare e agevolare la costituzione o l’organizzazione di nuove associazioni o gruppi giovanili strutturati nelle realtà territoriali prive di significative forme di aggregazione, al fine di facilitare l’attiva partecipazione dei giovani ad iniziative di crescita e di socializzazione;
2) favorire le relazioni fra le differenti etnie presenti sul territorio e migliorare la qualità dei rapporti intergenerazionali;
In particolare, le strategie provinciali mirano ad incentivare iniziative formative e culturali che forniscano ai giovani strumenti permanenti di crescita, di indagine delle proprie potenzialità e di partecipazione ai processi che li riguardano, sia nel contesto locale, sia nell’ambito della mobilità e degli scambi internazionali.
(Fonte: atto di indirizzo e coordinamento triennale approvato dalla C.T.S.S. il 23/09/2008).

La programmazione zonale, a sua volta, specifica i seguenti obiettivi:

Promuovere l’integrazione per giovani immigrati residenti: Creare centri di aggregazione per integrare ragazzi immigrati di 2^ generazione (Piano di Zona Distrettuale Rimini- Nord);
Potenziare e consolidare gli spazi di aggregazione tesi a favorire la socializzazione, l’integrazione dei giovani coinvolgendo fattivamente le istituzioni scolastiche (Piano di Zona distrettuale Riccione –Sud)

TEMPI E LUOGHI DI REALIZZAZIONE DELLE AZIONI:

La durata dell’attività di ciascun gruppo viene prevista mediamente in 18 incontri per complessive 45 ore, ma potrà variare a seconda della complessità del progetto di viaggio che verrà prescelto. La durata massima dell’attività di ciascun gruppo è comunque prefissata in 12 mesi.

La realizzazione del Progetto sarà garantita dalle Sedi Sociali dell’Associazione ARCI e delle Associazioni affiliate e principalmente: in Rimini, Viale Principe Amedeo n. 11 (Sede Arci-Arcobaleno), ed in Riccione Via Flaminia 41 (Sede Arcobaleno).
Sarà ricercata la collaborazione e la disponibilità ad ospitare le attività di progetto (ovvero le riunioni dei gruppi) da parte di tutti i Centri Giovani pubblici presenti sul territorio provinciale, privilegiando le aree del territorio a minore insediamento associativo.

NUMERO DEGLI UTENTI DESTINATARI DEL PROGETTO

Si prevede la costituzione e gestione fino a conclusione dell’attività di 6 gruppi di studio (indicativamente: 4 gruppi nell’area del Distretto Sociale di Rimini e 2 nell’area del Distretto Sociale di Riccione), con una partecipazione minima di 72 e massima di 90 giovani, almeno 12 dei quali stranieri immigrati o di seconda generazione.

I commenti sono chiusi.

Op.E.N. – Opportunità per Esperienze Nuove

Anche quest’anno il Comitato Provinciale ARCI di Rimini propone il progetto “Op.E.N. Opportunità per Esperienze Nuove”, in collaborazione con l’Associazione […]

Op.E.N. 2013

Anche quest’anno il Comitato Provinciale ARCI di Rimini propone il progetto sotto nuove forme e iniziative, in collaborazione con la […]

Laboratorio Teorie e Tecniche Cinematografiche

Lunedì 29 ottobre ha inizio il Laboratorio Teorie e Tecniche Cinematografiche che si terrà presso il Centro giovani RM25 dalle […]

Op.E.N. 2012- Opportunità per esperienze nuove

Op.E.N. è un progetto di attività formative, di educazione alla pace ed alla convivenza interetnica che il Comitato Provinciale ARCI […]

PROGETTO OPEN

Guide turistiche realizzate dai partecipanti al progetto OBIETTIVI : Obiettivo generale: Educazione alla pace ed alla convivenza interculturale, attraverso la […]